STORIA

Un tributo all’orso Wojtek nel centro di Cassino

Statua Dell'orso Wojtek A Cassino

Sotto una pioggia battente, qualche giorno fa, è stata inaugurato la statua dell’orso Wojtek in piazza XV febbraio. Ma cosa c’entra un orso con la città di Cassino? E perché questo esemplare è così importante da meritare addirittura una statua nel centro della città? In realtà questa non è il primo monumento dedicato a Wojtek, che vanta altre effigi a Edimburgo, Londra, Ottawa, Cracovia, Imola e Grimsby. Non tutti sanno che egli, infatti, fu un improbabile eroe di guerra! Com’è possibile? Ve lo raccontiamo.

Da mascotte ad eroe di guerra

Wojtek altro non era che un simpatico orso bruno siriano, che proveniva dalla zona di Hamadan, nell’attuale Iran. I racconti narrano che a trovarlo fu un ragazzo che, ancora cucciolo, lo diede ai soldati polacchi in cambio di qualche scatoletta di carne. La prima persona che lo accudì fu una ragazza tra i trecentomila polacchi esodati dai gulag di Stalin e giunti in Persia sotto l’egida britannica. Fu lei a chiamarlo Wojtek, nome che deriva da Wojtek” è un diminutivo di Wojciech, letteralmente Colui a cui piace la guerra. La giovane ragazza se ne prese cura come fosse un figlio, usando una bottiglia di vodka piena di latte come biberon. Quando le dimensioni dell’animale, però, non le consentirono più di tenerlo, lo affidò al generale dell’esercito polacco Boruta Spiechowitz. Questi lo rese la mascotte del suo scaglione.

Wojtek Tra I Soldati Polacchi

L’orso Wojtek in mezzo ai soldati polacchi. Fonte: L’Orsa Nel Carro Travel Blog

L’orso fu nutrito con frutti, marmellata e sciroppo e sovente beveva birra e masticava tabacco. Affezionatosi subito ai militari, fu arruolato ufficialmente nell’Esercito polacco. Questa manovra servì ai comandanti per poterlo imbarcare nella campagna d’Italia. Secondo vari rapporti, durante la battaglia di Cassino, l’orso aiutò i soldati a trasportare le munizioni e a velocizzare gli approvvigionamenti. Wojtek seguì i militari russi in tutta la campagna, tenendo il loro morale alto e venendo trattato proprio come un commilitone.
Al termine della guerra la XXII Compagnia Trasporto dell’esercito adottò lo stemma di un orso che trasporta un proiettile d’artiglieria in suo onore. Diventato celebre e amatissimo da grandi e piccini, Wojtek trascorse il resto dei suoi giorni servito e riverito prima nel Berwickshire, in Scozia, e poi nello zoo di Edinburgo. L’orso morì nel dicembre del 1963 a 22 anni, ma ancora oggi è ricordato come un vero e proprio simbolo di fedeltà e coraggio.

Il tributo della città di Cassino

Già al termine della guerra, infatti, la popolarità di Wojtek crebbe a dismisura anche grazie all’attenzione dei media, in particolare della BBC. Varie sono state le placche commemorative e le statue realizzate in suo onore. La città di Imola, nel settantesimo anniversario dell’entrata in città della liberazione dai tedeschi, ha commissionato una scultura di Wojtek allo scultore bolognese Luigi Enzo Mattei.

L'orso Wojtek Gioca Coi Soldati Polacchi

Wojtek e i soldati polacchi in un momento di svago. Fonte: The Independent

Al novero delle città che hanno tributato l’orso bruno, non poteva mancare quella in cui Wojtek è diventato una vera e propria icona, ovvero Cassino. All’inaugurazione della statua di piazza XV febbraio, avvenuta il 12 maggio, era presente anche Anna Maria, la figlia del generale Anders, che guidò l’esercito verso la liberazione di Cassino dai tedeschi. La donna ha ricordato la grande amicizia che lega il popolo polacco e quello cassinate e si è detta commossa di essere nello stesso luogo dove è sepolto il padre.  La cerimonia, che ha assunto tratti solenni e commoventi, si è conclusa con un’esibizione di danza, ravvivata anche dal colore vivo dei papaveri rossi, simbolo dei soldati polacchi caduti nel conflitto.

Luigi Bove

Autore: Luigi Bove

Amante della scrittura, dell’arte, del calcio e della vita. Filosofo mancato, sportivo mancato, studioso..mai stato. Mi piace scoprire i vari aspetti del mondo, restando sempre legato alla mia città, Caserta.

Un tributo all’orso Wojtek nel centro di Cassino ultima modifica: 2019-05-20T09:30:43+02:00 da Luigi Bove

Commenti

To Top