I CASSINATI RACCONTANO CASSINO

itCassino

ITINERARI STORIA

Archeologia a Cassino, reperti antichi in un territorio ricchissimo!

Archeologia A Cassino - immagine di una convivialità nell'antica Roma

Archeologia a Cassino per tanti è qualcosa di sconosciuto, eppure il territorio circostante offre davvero moltissimo! Il parco archeologico del cassinate, davvero ragguardevole, si trova ai piedi della nota Montecassino. Questo vasto territorio a grande densità archeologica, consta dei resti dell’antica “Casinum”, la città romana precendente all’attuale insediamento moderno di Cassino; e davvero molto altro.

Archeologia A Cassino - immagine del teatro di Casinum

E’ possibile visitare e fare un percorso interessante nel “parco archeologico di Cassino”,  passeggiando tra le antichissime mura megalitiche; la Porta Campana, l’anfiteatro, il noto mausoleo di Ummidia Quadratilla, il teatro antico, il ninfeo, attraversando agilmente sulla strada basolata.

L’antica città romana, perla dell’archeologia a Cassino

La città antica romana, aveva la caratteristica di essere strutturata da una serie di terrazzamenti interessati da vie e strade percorsi parallele tra loro. Molto bello e ben conservato è l’anfiteatro romano, eretto per volere della matrona Ummidia Quadratilla nel I secolo d.C. La costruzione dell’anfiteatro ha una forma ellittica con il diametro del lato più lungo di circa 85 metri; e il lato più piccolo che raggiunge una dimensione pari a 69 metri.

Archeologia A Cassino- resti dell'anfiteatro di Casinum

Secondo le indagini archeologiche, nella parte superiore dell’anfiteatro romano di Cassino, vi erano delle feritoie il cui uso era contenere dei listelli di legno; una struttura per sostenere il velario montato nei giorni di canicola. L’anfiteatro di “Casinum poteva ospitare almeno 4500 spettatori, disposti su dodici gradinate. Interessante notare che ai piedi dell’anfiteatro romano sorge un quartiere, che viene denominato comunemente “Colosseo”.

Archeologia a Cassino attraverso la storia del teatro romano

Il teatro romano di Cassino risale all’età augustea, ovvero 27 a.C.-14 s.C.; e si presenta con un usuale aspetto esteticamente impeccabile di teatro greco-romano, con forma semicircolare. Esso sfrutta come in molte strutture simili, presenti nel mondo greco-romano, la pendenza della montagna che viene usata per il sostegno di venti gradini.

Archeologia A Cassino- mausoleo di Ummidia Quadralilla

Le gradinate, si dividono in una Summa cavea che ne comprende sette, e un’Imma cavea di tredici gradini. Si poteva accedere all’interno del teatro con alcune gallerie coperte, che conducevano gli spettatori fino all’ultimo gradino della struttura. Per alcuni secoli, il teatro romano ha vissuto in uno stato di abbandono totale; caduto nell’oblio nel periodo medievale, fu riscoperto nel 1936 per via di una nuova ventata culturale, e la rivalutazione delle nostre vestigia. Fu allora che il teatro di Cassino fu restaurato, negli anni cinquanta appunto e di nuovo nel 2001.

Dal teatro al centro di Casinum

Il teatro romano di Casinum, fulcro attorno a cui ruotava buona parte della vita pubblica del territorio, aveva una capienza di circa 3000 posti. Oggi, dopo accurati restauri, in estate è fruibile dai cittadini, per varie manifestazioni, e interessanti eventi culturali; concerti, spettacoli, e anche cinema all’aperto, molto frequentato dalla cittadinanza.

Archeologia A Cassino- entrata del mausoleo a Cassino

Si può visitare il teatro dell’antica Casinum presso l’incrocio tra via Crocifisso e via Montecassino. Il centro abitato di Casinum, tuttavia, era circondato da imponenti mura di circa 4,5 km. Ancora oggi, all’interno del parco, vi sono due resti di mura identificabili come costruzioni preromane; databili intorno al V-IV secolo a.C. Ci sono anche interessanti e ben conservati resti di un terzo anello, che si trova sotto la nota abbazia di Montecassino; tale opera è in struttura poligonale.

Da Roma a Casinum

L’archeologia a Cassino, ricca e ancora in gran parte da scoprire, offre la possibilità di visitare un tratto di strada, di circa 230 metri; collegava l’antica Casinum alla Via Latina, e il manto stradale è in classica in pietra calcarea. Sul lato della via romana che è a monte, sono visibili due tratti di costruzioni repubblicane utilizzate per il contenimento di grandi terrapieni.

Archeologia A Cassino- tratto di via romana

esempio di via romana

Infine si può visitare la nota “Porta capuana”, così denominata perché sita in direzione di Capua. Le vestigia di questa porta, si sono conservati lungo il percorso della via Latina Nova. Non vi sono invece resti visibili della Porta Romana che permetteva l’accesso alla città provenendo da Roma.

Archeologia a Cassino, reperti antichi in un territorio ricchissimo! ultima modifica: 2020-01-11T09:00:00+01:00 da Simona Aiuti
To Top