I CASSINATI RACCONTANO CASSINO

itCassino

CULTURA STORIA

San Pietro Infine: la vera storia di un paese martoriato dalla Guerra

C'era Una Volta San Pietro Infine Cinema

Non tutti sanno della battaglia di San Pietro Infine. Quando nel lontano 1944 l’esercito Statunitense incarica il regista John Huston di filmare un documentario propagandistico sulla battaglia. Inaspettatamente, però, a dispetto di quanto pattuito, il film rivela l’altra faccia della medaglia,ossia tutto l’orrore della guerra. Infatti la censura lo vieta, tant’è che solo nel 1945 debutta al grande pubblico. Vi presento “C’era una volta…San Pietro Infine” : la vera storia di un paese martoriato durante il Secondo Conflitto Mondiale.

The battle of San Pietro

John Huston arriva nel ’43 a San Pietro Infine ignaro di ciò che lo avrebbe atteso. Il famoso regista statunitense riceve l’incarico da parte dell’esercito di girare un docufilm sulla battaglia di San Pietro ai fini propagandistici, ma da subito inizia a vivere in prima persona l’orrore della guerra. Infatti le riprese immortalano un paese disastrato, in cui gli abitanti , presi dallo sconforto totale, trovarono rifugio in delle grotte naturali. Le grotte sono ancora oggi visibili a nord ovest del borgo. Il film non ha una vera e propria trama ne tanto meno degli attori, ma persone del posto. Inoltre l’unico filo conduttore del film è la voce narrante del regista. A poche ore dalle prime riprese, viene censurato, perchè il film da propagandistico si rivela palesemente oltraggioso nei confronti proprio degli USA.

San Pietro Infine oggi

San Pietro Infine è un piccolo borgo in provincia di Caserta, che dista a soli 15 km da Cassino. Nel dopoguerra, il paese prova a rialzarsi dal dramma subito e successivamente gli abitanti decidono di ricostruirlo a valle. Già dalle prime difficoltà i Sanpietresi reagiscono bene a questa nuova realtà con grande spirito di sacrificio e attaccamento alla terra natia. Tant’è vero che, a distanza di molti anni, pensano e realizzano un museo sulla nell’antica area rasa al suolo. L’idea è quella di omaggiare la memoria dei caduti e ricordare alle nuove generazioni l’abominio vissuto. Ad ogni modo, per questioni di necessità, miglia di famiglie emigrano per lo più in Canada. Infatti ad oggi c’è una proficua comunità di Sanpietresi molto devoti alle loro radici.

Cera Una Volta..san Pietro Infine No War

Aneddoti

“The battle of San Pietro” è rimasto alla storia per aver suscitato grande interesse nel mondo dello spettacolo. Ad esempio la band degli U2 nell’ 83 pubblica l’album “WAR” e nel video della canzone “In God’s country” ci sono diversi spezzoni del film di Huston. Anche Mario Monicelli nel suo “La Grande guerra” si ispira a San Pietro Infine per la realizzazione di un’importante scena di quello che è definibile uno dei suoi capolavori. Tra gli attori protagonisti vi sono niente di meno che Alberto Sordi, Vittorio Gassman e l’indimenticabile Silvana Mangano.

E ancora…

Persino Superquark, il celeberrimo programma di Piero Angela, dedica una puntata a questo incredibile avvenimento. Un altro memorabile aneddoto è quello di Carlo Rambaldi che ha curato l’allestimento dell’attuale museo. Infatti, l’ indiscusso maestro degli effetti speciali, famoso per la realizzazione del film “E.T.” grazie al quale vince l’oscar agli effetti speciali, “Lo Squalo” e “King Kong”, viene a San Pietro e ne resta incantato. Un omaggio va anche a Mauro Pagano grande scenografo, costumista e regista teatrale originario di San Pietro Infine, a cui è stata dedicata una statua posta al centro del paese. Tra le tante celebrità non posso non citare il pugile Italo-Canadese Arturo Gatti, campione del mondo pesi Superpiuma, Superleggeri e categoria Welter, che è figlio di Sanpietresi immigrati. Insomma, un esempio di come un film possa realmente raccontare la storia di un popolo.

San Pietro Infine: la vera storia di un paese martoriato dalla Guerra ultima modifica: 2020-06-09T09:00:00+02:00 da Fabio Bocchino
To Top