I CASSINATI RACCONTANO CASSINO

itCassino

FESTE E SAGRE TRADIZIONI

San Giovanni Battista tra Storia e tradizioni popolari

Chiesa San Giovanni

Anche quest’anno è giunto il 24 giugno, giorno in cui si celebra la nascita di San Giovanni Battista. Sono i Vangeli a dirci che era figlio di Zaccaria e di Elisabetta, fu uno dei primi profeti ad annunciare la venuta di Gesù sulla terra. A Cassino una Chiesa è dedicata proprio al culto di questo Santo. Purtroppo in questo periodo ci sono lavori di ristrutturazione della Chiesa, ma la comunità di fedeli non ha voluto mancare alle celebrazioni in onore del Santo. Un segno di grande fede e devozione. Cassino è legatissima ai valori e alle tradizioni di questa terra.

San Giovanni Battista

Giovanni Battista è l’unico Santo per il quale la Chiesa cattolica celebra sia il giorno della sua nascita (il 24 giugno), che quello del martirio (il 29 agosto). Tra le due date, però, quella più usata per la venerazione è quella del 24 giugno. Per i fedeli, Giovanni Battista è patrono dei monaci. Fu lui che battezzò Gesù nelle acque del fiume Giordano e che in seguito morì martirizzato. E’ conosciuto come il Precursore, perché fu tra i primi a dare l’annuncio della venuta di Cristo. Celebre è l’episodio in cui sussultò di gioia nel grembo della madre, Elisabetta, quando questa ricevette la visita di Maria. È l’ultimo profeta dell’Antico Testamento e il primo Apostolo di Gesù, perché gli rese testimonianza ancora in vita. Quando nacque Giovanni, sua madre Elisabetta era considerata sterile e avanti con l’età. Fu l’arcangelo Gabriele ad annunciare la sua nascita.

San Giovanni Processione

Processione per la festa di San Giovanni a Cassino

La notte dell’impossibile

La festa di San Giovanni Battista è legata a una tradizione pagana. La notte tra il 23 ed il 24 giugno viene considerata magica. E’ una notte che cade dopo il solstizio d’estate quando, nella tradizione pagana, avviene il matrimonio tra il sole e la luna. Questo evento dona forza e vigore a tutte le creature. Proprio per questo, San Giovanni è considerato come un santo che fa riaffiorare energie mistiche e divinatorie. La notte di San Giovanni è la notte dell’impossibile, dei prodigi ed anche delle streghe. Esistono nella zona tantissime tradizioni e riti magici che ancora oggi si intrecciano ed alimentano la cultura popolare. Tra magia, fede e superstizione si alimenta il fascino del mistico e dell’esoterico. Le credenze della tradizione popolare e i caratteristici rituali servono per propiziare le forze benefiche della natura. Scacciano le negatività e si saluta l’arrivo dell’estate.

Olio Di San Giovanni

Giornata dedicata all’olio di San Giovanni

L’olio di San Giovanni

L’olio di iperico, altrimenti noto come olio di San Giovanni, è un olio naturale che grazie alle sue virtù benefiche viene usato in modo particolare per la cura degli inestetismi della pelle. Ha un’azione cicatrizzante, antisettica, emolliente ed antinfiammatoria. Si tratta di una lozione facile da preparare in casa e si ottiene dalla macerazione dei fiori della pianta di iperico. Secondo la tradizione del territorio, il 24 giugno vengono raccolti i fiori che si mettono poi a macerare nell’olio sotto l’esposizione della luce per un intero ciclo lunare. Al termine di questo processo si ottiene un ottimo rimedio naturale per chi soffre di pelle secca, per chi ha problemi di psoriasi, ed è anche un antirughe straordinario. L’olio di iperico è un olio ricco di carotene e flavonoidi. Generalmente famoso soprattutto per le sue proprietà cicatrizzanti è molto utile in caso di scottature o tagli.

San Giovanni Battista tra Storia e tradizioni popolari ultima modifica: 2019-07-01T09:00:56+02:00 da Angelo Franchitto
To Top