I CASSINATI RACCONTANO CASSINO

itCassino

CULTURA EVENTI VALORI

Fine Ramadan un momento di preghiera e pace per la comunità islamica

Preghiera Di Fine Ramadan

A Cassino è presente una numerosa comunità islamica. Da alcuni anni la comunità si riunisce per celebrare la fine del Ramadan nel cuore della città. Un rito di circa un’ora che vede la comunità islamica di Cassino riunirsi per questa tradizionale festa di fine Ramadan un mese di digiuno per votare l’animo umano alla solidarietà e rafforzerebbe il sentimento di fratellanza. Al termine della cerimonia si consuma un banchetto con pietanze tipiche per la festa di Ramadan. Per capire il significato di questa festa, che è un inno a Dio e alla fratellanza, bisogna capire cos’è il Ramadan.

Fine Ramadan A Cassino

Festa di fine Ramadan a Cassino

Il mese di Ramadan

Ramadan è il nome del nono mese dell’anno secondo il calendario lunare usato nel mondo musulmano. Secondo la tradizione islamica, il mese di Ramadan, ricorda il momento in cui Maometto ricevette la rivelazione del Corano. Il Libro Sacro, guida per gli uomini e per la salvezza della loro anima.  È questo il mese del digiuno, ma anche quello della preghiera, della meditazione ed autodisciplina. Il digiuno è un atto obbligatorio per tutti i musulmani praticanti adulti e sani. Dura dalle prime luci dell’alba fino al tramonto. Durante queste ore non possono mangiare, bere, fumare e praticare sesso. Ne sono esentati i minorenni, i vecchi, i malati, le donne che allattano o in gravidanza. Le donne durante il ciclo mestruale e chi è in viaggio sono solo temporaneamente esentati. Una serie di regole che servono a dare un certo rigore alla vita del credente. Un atto di fede.

Il calendario islamico

Non è semplice parlare di Ramadan. La prima difficoltà e riuscire a calcolare l’inizio del Ramadan. Per farlo bisogna pensare che il calendario islamico è basato sul ciclo lunare sinodico e per questo ogni inizio mese, ricorrenza, festività cade in un periodo diverso ogni anno (solare). Per questa ragione, il periodo di Ramadan cade ogni anno 10 o 11 giorni prima rispetto l’anno precedente. Il ciclo si chiude in circa 33 anni. Il novilunio (o luna nuova) è la fase lunare in cui non è possibile vedere la luna perché è posta proprio in corrispondenza del Sole.  Nella fase del plenilunio (luna piena), invece, la luna si trova in opposizione rispetto al Sole, e ci troviamo a metà mese sinodico. Chiaramente, perché concili la durata del mese solare con la durata del mese sinodico si devono fare alcune approssimazioni per compensare ed ottenere i 354 giorni dell’anno islamico.

Ramadan Giovani

Giovani dell’associazione Comunità Africana alla festa di Ramadan

La festa di Eid Al Fitr dedicata a papa Francesco

Quest’anno, la fine del Ramadan è iniziato il 4 giugno. Per tre giorni i fedeli musulmani hanno potuto festeggiare l’Eid Al Fitr. Questo è il nome della festa che segna la fine del mese sacro di Ramadan. Quest’anno, per la prima volta, è successo qualcosa di particolarmente bello. In questo periodo di diffidenza e di paura verso un credo diverso, alcune associazioni di musulmani in Italia, hanno dedicato la festa a Papa Francesco. Queste comunità hanno scelto di essere al fianco del Papa per combattere le discriminazioni e lottare in favore del dialogo tra le fedi. L’Italia è sempre più un punto di riferimento per moltissimi musulmani che qui vivono. I messaggi di pace arrivano sicuramente anche dalla fede islamica, come il periodo di Ramadan insegna. Dobbiamo schierarci con chi difende il valore di professare la propria fede e che domanda una comunione tra i diversi credo.

Fine Ramadan un momento di preghiera e pace per la comunità islamica ultima modifica: 2019-06-07T09:00:57+02:00 da Angelo Franchitto
To Top