EVENTI

Festival emigrazione 2019 ad Atina e Cassino

Festival Emigrazione Palazzo Ducale Ciociariaoggi

Ad Atina si è tenuto il Festival dell’ Emigrazione. Sono state tre giornate di riflessione sulla migrazione come chiave per conoscere il territorio. Una lettura della realtà locale che parte dallo studio dei flussi migratori. Nel corso del tempo, le migrazioni hanno modellato la nostra cultura e le nostre tradizioni. Una iniziativa ed una bella occasione per ricostruire la memoria collettiva della nostra realtà locale. Si può pensare ad una rete tra coloro che hanno lasciato la propria terra e coloro che qui sono ritornati. Venerdì 9 Agosto è stata una giornata dedicata alla città di Cassino. Una importante partecipazione della città martire all’interno di questo progetto. 

Festival Emigrazione
Locandina del Festival dell’immigrazione 2019

Il progetto

Significativo è il titolo dell’evento: 1° Festival dell’Emigrazione. Un evento che si è svolto dall’8 al 10 Agosto e che ha messo in luce gli aspetti culturali, la conoscenza del territorio ma anche momenti di convivialità. Tutti aspetti legati al tema dell’emigrazione. Sede del progetto è stato il Comune di Atina. I lavori si sono svolti presso la Sala di rappresentanza del palazzo Ducale. A dare inizio al festival c’è stato il saluto del sindaco di Atina, Adolfo Valente. I partecipanti sono poi stati guidati nella visita del centro storico dove visitare i luoghi dai quali, diversi anni fa, i nostri nonni e i padri partirono per emigrare lasciando gli affetti e sperando di poter un giorno costruire un futuro migliore. Presso la Sala consiliare, c’è stato un breve convegno sul tema Conversazione sull’Emigrazione, con gli interventi dello storico Guido Pescosolido, il giornalista Vittorio Macioce e Michele Ferri.

Festival Emigrazione Historiale
Museo Historiale di Cassino, sede del Festival dell’emigrazione il 9 agosto 2019

Cassino sede del festival emigrazione

Venerdì 9 Agosto c’è stata una interessante giornata dedicata alle visite presso i luoghi della memoria. In particolare, il programma prevedeva una serie di visite a Cassino. Tutto è iniziato con la visita presso il museo della Guerra dell’Historiale. Durante la visita, la sensazione che si prova è quella di muoversi all’interno della storia. Non solo Storia, qui c’è anche memoria, vita di coloro che qui hanno vissuto la guerra ed hanno sofferto. A seguire c’è stata la visita al Cimitero militare del Commonwealth britannico e poi all’area archeologica. Nel pomeriggio, non poteva poi mancare la visita alla celebre Abbazia di Montecassino. Cuore vivo e pulsante della città, delle sue origini e della sua storia. Dal monastero si è poi andati in visita al Cimitero militare polacco. Si trova nei pressi dell’abbazia di Montecassino, ed uno dei cinque cimiteri di guerra presenti nel cassinate.

Esperienze di chi ha lasciato la Ciociaria

Tanti giovani, figli della nostra terra costretti ad emigrare hanno successo all’estero. Riflette sull’argomento è importante anche se è un argomento poco trattato. Ci si impegna in altro e si parla poco delle migliaia di giovani che ogni anno cercano possibilità di realizzazione all’estero. Una disfatta e colpa imperdonabili dello Stato. Giovani attivi negli studi e nella ricerca di opportunità lavorative. Desolante è constatare come realmente nessuno è profeta in patria. Dei giovani studiosi fuggiti via, diversi sono originari di Cassino. Abbiamo un giovane che è oggi titolare della cattedra di Diritto Internazionale Pubblico nell’Università di Parigi più antica. Divenuto professore di ruolo a soli 27 anni è certamente il più giovane di Francia. Un’altro figlio di Cassino che ha dovuto lasciare l’Italia per andare negli Stati Uniti. Il suo curriculum e le sue prove qui sono parecchio apprezzate e oggi gli si aprono numerose porte e possibilità.

Angelo Franchitto

Autore: Angelo Franchitto

Laureato in Scienze dell’educazione e della formazione, da 5 anni mi occupo di scrivere articoli sociali, sono impegnato nel campo del volontariato, scuola e formazione. Gestisco una pagina social su Facebook nella quale parlo del volontariato a Cassino, giovani, iniziative sociali, Servizio Civile. Grazie a itCassino desidero ampliare i miei canali di comunicazione e parlare della realtà sociale, culturale e storica del mio territorio.
Festival emigrazione 2019 ad Atina e Cassino ultima modifica: 2019-08-19T09:00:36+01:00 da Angelo Franchitto

Commenti

To Top