I CASSINATI RACCONTANO CASSINO

itCassino

pubbliredazionale NEL MONDO VALORI

Casalatticesi emigrati in Irlanda, ci rendono fieri

Dublino- Casalatticesi emigrati in Irlanda - Dublino e un locale tipico
Articolo promozionale

Casalatticesi emigrati in Irlanda, ma senza fuggire! Dalla valle sono partiti diversi flussi migratori; che non si sono affatto conclusi. L’emigrazione cominese è precedente alla prima guerra mondiale 1914-18, e all’epoca si dirigeva oltreoceano (Stati Uniti, Canada, Venezuela e altri stati dell’America Latina); dal secondo dopo guerra invece è prevalsa la tendenza verso Gran Bretagna, Belgio, Francia, Irlanda.

Casalatticesi emigrati in Irlanda

Il successo degli emigrati Italiani nella ristorazione, è stata soprattutto nel “fish and chips”; in cui c’è un vero monopolio italiano. Al riguardo, i proprietari dei fish and chips sono per lo più di Casalattico. Basti pensare che sulle “Golden Pages 01 2003” di Dublino, ci sono 150 negozi fish & chips italiani, e alle voci Restaurant Licensed e Unlicensed, circa 80 ristoranti Italiani.

Casalatticesi emigrati in Irlanda - panorama della Valle di Comino
fonte foto – Wikipedia – Pubblico dominio

Cosa non trascurabile, almeno il 65% degli Italiani in Irlanda, viene dalla Ciociaria, principalmente di Casalattico; un paese che è di molto sotto le mille anime. Sono quindi tantissimi, della Val di Comino. Tra questi ci sono 40 persone con nome Forte, 19 Fusco, e altri nomi tipici di Casalattico. Sono stati e sono per lo più venditori ambulanti di gelati, o impegnati sempre nella ristorazione. Basti pensare che alla fine dell’ottocento gli Italiani che gestivano dei café aperti fino a tarda sera fornivano erano italiani.

Casalatticesi emigrati in Irlanda e Fish and chips

Quei locali costituivano le prime luci notturne di Dublino. L’emigrazione dei Casalatticesi in Irlanda non si è mai arrestata, godendo di rapporti familiari stretti e sempre vivi. Al riguardo, spesso un emigrato, riusciva a chiamare un parente, lo aiutava e la rete si allargava.

Casalatticesi emigrati in Irlanda - Fish And Chips in locale

I Casalatticesi, dopo la seconda guerra mondiale, sono davvero quasi tutti emigrati in Irlanda per lavorare nei fish & chips; inserendosi nel tessuto economico nord europeo, non occupando posti di lavoro destinati agli autoctoni, bensì introducendo nuove attività, ovvero ritagliandosi spazi autonomi. Un membro della famiglia, con un negozio avviato, chiamava un parente, per farsi aiutare. Poi, appena il nuovo arrivato aveva risparmiato, a sua volta si creava una realtà propria. Dal centro di Dublino, i casalatticesi, si sono anche installati verso altre zone, fino ad arrivare a lavorare un po’ in tutta l’Irlanda. Queste attività come dicevamo, non facevano concorrenza alle attività di ristorazione locali.

Valle di Comino

Cosa non trascurabile, dopo le guerre, la richiesta di pesce e patate era crescente; cosa che ha influito positivamente sul commercio di pesca e naturalmente sull’agricoltura. Nonostante il successo, le comunità degli emigrati, hanno mantenuto forti legami con il paese d’origine. Non c’è mai stata una rottura con il paese d’origine; anzi tornare per le vacanze è quasi irrinunciabile.

Casalatticesi emigrati in Irlanda - Patatine E Pesce con verdurine

La tradizione che si è mantenuta di più e che unisce tutti gli emigrati; sia di prima sia di seconda e terza generazione, è soprattutto quella della cucina italiana. I piatti preparati secondo la tradizione italiana; rappresenta un fattore molto forte d’identificazione culturale. Tornare in Italia poi, ha aiutato ad allenare la lingua, soprattutto per chi è nato in Irlanda. Resta alto il consumo degli insaccati ciociari, delle salsicce, del pane, di formaggi, delle conserve di pomodoro e dell’olio e del vino fatti in casa.

Casalattico e l’Irlanda l’Irish fest

Ancora oggi, nei giorni di festa e non solo, nelle cucine italiane degli immigrati italiani s’inforcano i grembiuli e si preparano crustole, pizze, peccellati, fettuccine; ma anche sagne e fagioli e ciambelline. Al riguardo, a Casalattico ogni 14 di agosto si tiene l’Irish fest; “Incontro eno- gastronomico tra la cultura Celtica e Ciociara”. In quest’occasione, i migranti Casalatticesi di ritorno per le vacanze, preparano e servono cibi tradizionali locali, ma anche irlandesi, come bacon, salmone affumicato e tipiche birre irlandesi; in divertenti e pittoreschi stand allestiti nei vicoli del centro storico.

Casalatticesi emigrati in Irlanda, ci rendono fieri ultima modifica: 2020-08-25T09:00:00+02:00 da simona aiuti
To Top