I CASSINATI RACCONTANO CASSINO

itCassino

NEWS NOI

Assistenti civici nuova frontiera per la movida

Assistenti Civici Non Rubate La Notte Ai Giovani

In questa nuova fase post lockdown il volontariato apre agli assistenti civici. La notizia arriva dall’assessorato alla Coesione sociale. Si parla di movida e dei rischi per i giovani. Si tratta di una iniziativa sociale che vuole coinvolgere i giovani. Dunque continua la lotta al Coronavirus. Ma bisogna occuparsi anche di altri rischi del sabato sera.

Chi sono gli assistenti civici?

Si tratta di figure al quale viene data l’opportunità di aiutare le forze del comune a vigilare sul rispetto delle norme in città. Soprattutto nella fase 2 riguarda dove c’è l’obbligo del distanziamento fisico e il divieto di assembramenti in città sono un grosso rischio per il contagio. Prima di tutto si inizia dal reclutamento dei volontari. Allo stesso modo i giovani hanno la possibilità di conoscere la realtà del territorio. Un secondo obiettivo è di contrastare la movida selvaggia del sabato sera. L’iniziativa ha come titolo Non rubate la notte ai giovani e vuole sostenere il diritto dei giovani al tempo libero e alla socializzazione. Ma anche difendere il diritto alla salute e alla sicurezza per tutti.

Assistenti Civici Bar E Movida
Assistenti civici come volontari possono essere utilizzati per controllare eventuali assembramenti davanti ai locali e in strada durante il weekend.

Ugualmente l’impegno resta sempre su base volontaria. Dunque è importante che tutto parta dalle motivazioni della persona. L’impegno dei cittadini al fianco dello Stato in attività di volontariato. Si tratta di una crescita civica a sostegno anche della comunità.

L’impegno dei volontari a Cassino

Con l’inizio del lockdown i volontari sono al fianco degli amministratori per sostenere la cittadinanza. Infatti i nostri volontari sono impegnati a prendersi cura dei più bisognosi nella fase di chiusura. Dunque è a loro che ora la città e la sua classe dirigente affidano la gestione di questa nuova e complessa fase. Infatti stiamo provando a convivere con il virus e impariamo a difenderci. Ugualmente, il ruolo dei volontari serve anche tornare a una vita con meno divieti. In conclusione, da questa emergenza possiamo uscire solo stando uniti. Si tratta di collaborare ognuno per la sua parte. Soprattutto bisogna farlo sempre con senso di responsabilità. Infatti, nella morsa di una crisi così profonda, come l’epidemia del Covid-19 la solidarietà sociale è importante. Ma è sempre importante cercare di migliorare l’esistenza di molti. Anche perché i giovani offrono un sostegno volontario.

Assistenti Civici Movida Sicura
Gli assistenti civici hanno compiti di verificare l’ordine e la sicurezza nei luoghi della movida.

Assistenti civici, non guardie

Durante il sabato sera Cassino vede riempirsi piazze e locali. Il weekend attira giovani ad uscire a stare insieme. Ma bisogna ricordare la situazione che resta ancora di rischio e che aumentano i contagi da coronavirus. Anche dopo la loro riapertura, pub e ristoranti sono luoghi poco sicuri. D’altra parte la situazione odierna è difficile per tutti. Ma la cautela è ancora d’obbligo. Dunque i volontari del progetto movida sicura sono un sostegno alla gestione della situazione di ordine pubblico in città. Infatti la cosa importante è che le attività dei volontari hanno finalità sociali. Si tratta di giovani che regalano tempo al comune di Cassino per aiutare la città a vivere una nuova esperienza di socializzazione in sicurezza.

Soprattutto va detto che questi volontari sono un aiuto sociale per la gestione della movida in città. Si tratta di operazioni di presidio educativo a Cassino. Una cooperazione tra Assessorato alle politiche giovanili del Comune di Cassino, ASL e Fondazione Exodus insieme a tanti volontari giovani.

Assistenti civici nuova frontiera per la movida ultima modifica: 2020-09-28T09:18:47+02:00 da Angelo Franchitto
To Top